Skip to content Skip to footer
Il libro dei Morti è una raccolta di testi ricette, incantesimi, preghiere, inni , litanie e formule magiche, scritte su rotoli di papiro, di solito con illustrazioni o cartoni animati.
Essi sono stati collocati, all’epoca, nelle tombe degli egiziani che potevano permettersi il lusso di accedere al Nuovo Regno. Tuttavia, la collezione più antica, come è noto, è iscritta sulle pareti delle camere e corridoi delle piramidi dei re e regine come Unas, Teti, Pepi I, Nemty-En-Saf I e Pepi II, re della V e VI dinastia a Saqqara. il titolo è stato dato dal Richard Lepsius tedesco che nel 1842 ha pubblicato il grande “Papiro de Turín” sotto il titolo “Das Todtenbuch” e da allora lo hanno utilizzato tutti gli egittologi. Si è detto che il nome di libro dei morti deriva dal nome  dato fin dalla prima profanazione di tombe , dove insieme alle mummie vennero trovati i papiri ,”Kitab al-Mayitun” in arabo, libro dei morti. Lo scopo di questo libro dei morti è stato quello di consentire ai defunti di salvaguardarsi  dai pericoli da affrontare dopo la morte, istruendo loro con parole che permettono di entrare nei vari stadi del mondo sotterraneo, assicurando la protezione degli dei e anche proclamando la loro identità agli altri defunti. Per gli egiziani la vita era priva di significato senza amore. E questo è stato considerato, da uomini e donne, come una passione intima legata alla vita e vera magia. Dalle rive umide del Nilo  al deserto più arido e secco del Sinai, i sentimenti ragionavano come esseri animati, come appartenenti a un insieme di forze magiche. Innumerevoli Testi , sculture e stampe di tutte le epoche, sono la fedele testimonianza della grandezza dell’amore nell’antico Egitto, e questa emozione era di carattere magico. Il fatto che fosse magico  ha dato luogo a una  moltitudine di incantesimi e formule magiche, per chiedere alla divinità la corrispondenza dell’amato/a .  I metodi magici egiziani sono stati utilizzati per amare ed essere amati,  ed erano spesso estremamente complessi. Nell’ingegno degli Egiziani troviamo  la conoscenza della natura, necessaria per scovare, sminuzzare e mettere in contenitori speciali, gli elementi vegetali, al quale aggiungere i prodotti adatti al momento opportuno con le fasi lunari,  oltre che conoscere e recitare incantesimi, e in certi momenti manipolare gli elementi magici del potere. Nei magici papiri di Leida, si  parla di un  incantesimo con un coleottero e un bicchiere di vino. Il metodo indica che per raggiungere l’amore di una donna, si dove prendere un piccolo coleottero senza corna. Si dovrebbe agire all’alba, e mettere il coleottero in una ciotola con del latte di mucca nera. lasciarlo fino al tramonto e poi rimuoverlo, adagiarlo su un piano e versaci sopra della  sabbia e aspettare fino a che non si asciuga il giorno successivo. Poi  cucinarlo con vino di  foresta , trio di seme di mela mescolato con urina o sudore di mago. Quando il tutto è ridotto ,  viene successivamente introdotto in una piccola coppa di vino e farlo bere alla persona amata. ( Personalmente mi fa senso, non lo farei mai, ma se ci volete provare a vostro rischio e pericolo!!! Anche perché voglio proprio sapere dove troverete urina o sudore di mago…) Questo è un esempio dei testi  conosciuti come “Testi delle Piramidi” e sono scritti interamente in geroglifici e molti dei suoi “Capitoli” sono copie di una collezione più vecchia, quindi non è possibile individuare la sua origine, la data e l’autore. Ma possiamo supporre che i capitoli copiati sulle pareti delle tombe dei re menzionati, in sostanza, rappresentano le credenze degli egiziani di tali dinastie riguardanti l’Aldilà e pensiero religioso tra le più alte classi Egiziane.
Call Now ButtonChiama ora